Andar per Musei : La città da scoprire

Andar per Musei : La città da scoprire

Aggiornamento 10/06/2020 dalla Direttrice Mariolina Goduto

"Genitori carissimi,

Oggi termina un anno scolastico eccezionale, che porteremo a lungo nella nostra memoria e che farà parte della nostra storia. Un anno connotato dalla didattica a distanza, dall’innovazione tecnologica, dall’utilizzazione, in via esclusiva, dei dispositivi digitali. Ma anche un anno caratterizzato dall’esperienza, per noi completamente nuova, di non poter condividere spazi di apprendimento fatti di contatti, di rumori e di risate, di non poter abbracciare i nostri bambini e i nostri ragazzi, di non poter utilizzare la dimensione corporea che resta, nonostante tutto, la loro chiave di accesso ai linguaggi, ai saperi e alle leggi del mondo. I vostri figli ci sono mancati molto, perchè la loro presenza e il rapporto empatico e “fisico” rappresentano l’essenza del nostro essere insegnanti. Ma siamo stati costretti a trovare formule alternative e, a distanza di oltre tre mesi, possiamo riconoscere che ce l’abbiamo fatta. Sapete che molti docenti non avevano grandi esperienze di didattica con l’ausilio di strumenti digitali, ma tutti si sono attivati per continuare a “fare scuola”, fornendo aiuto, supporto, a volte conforto, a partire dalla scuola dell’infanzia, pienamente coinvolta in questo processo, con le indicazioni per i genitori, le attività di laboratorio e i suggerimenti di lavoro operativo per i bambini. Nel corso dei mesi, abbiamo migliorato le tecniche della didattica a distanza, abbiamo creato lezioni personalizzate, interattive e coinvolgenti, abbiamo utilizzato quotidianamente le videolezioni, che hanno consentito di non spezzare il “filo” della comunicazione e della relazione con i docenti e fra i bambini. Abbiamo fatto tutti un’esperienza molto forte e impegnativa, rendendoci disponibili a imparare e a chiedere aiuto, come fanno i nostri alunni, con la stessa umiltà e lo stesso entusiasmo. Non abbiamo mai rinunciato, anche nei momenti di difficoltà, al costante riferimento ai principi di fondo del nostro progetto di scuola, che ha fatto dei saperi e delle arti gli strumenti per incoraggiare gli studenti a rielaborare e a utilizzare le esperienze, per crescere in umanità, creatività, responsabilità e solidarietà. Per tutte queste ragioni, sento il dovere di esprimere il mio profondo ringraziamento ai docenti, per la forza e la caparbia che hanno espresso, in tutte le fasi di questa esperienza incredibile che ci è capitata. Voi genitori siete stati eccezionali, siete stati presenti, attenti, disponibili. Non avete fatto mai mancare la stima e la fiducia nei docenti e nella vostra scuola, che ritroverete, dopo questa esperienza, più forte e più saggia. Non ho parole per ringraziarvi tutti. Sappiate solo che, anche grazie alla vostra costante presenza e al vostro impegno, i nostri bambini e i nostri ragazzi hanno espresso il massimo, sono stati forti “combattenti”, hanno superato difficoltà enormi, anche per la nostra ottica visuale di adulti. Hanno studiato, si sono impegnati, sono diventati più responsabili e competenti. Saranno premiati, in fase di valutazione, con il giusto riconoscimento e con l’apprezzamento che meritano.

Continuate a curare come avete fatto fino ad ora i vostri piccoli, a settembre li riaffiderete a noi."

Vi abbraccio tutti

Mariolina Goduto

 

Aggiornamento 09/06/2020

Oggi vi proponiamo un tipo di arte differente, non ancora riconosciuta da tutti ma che sicuramente apprezzerete, stiamo parlando dei videogiochi! Ma come sono nati? Scopriamolo insieme! 

Ricordatevi di inviarci un'immagine realizzata da voi all'indirizzo email scn2020santachiara@yahoo.com , il tema principale è la creatività! Fateci vedere un vostro disegno, una vostra creazione o una foto fatta da voi che ritenete particolarmente bella! Così facendo, avrete la possibilità di partecipare attivamente al prossimo video tramite l'inclusione dell'immagine da voi inviataci!

Aggiornamento 04/06/2020

Come state? Come passate le vostre giornate? Noi siamo tornati anche questa settimana a parlarvi di un'opera locale: la Chiesa di Monte Calvario o più comunemente "Cappelloni delle Croci". Una serie di opere, tutte simili ma differenti, con una storia che ha radici nella religione, come molte presenti nella nostra città.

Ricordatevi di inviarci un'immagine realizzata da voi all'indirizzo email scn2020santachiara@yahoo.com , il tema principale è la creatività! Fateci vedere un vostro disegno, una vostra creazione o una foto fatta da voi che ritenete particolarmente bella! Così facendo, avrete la possibilità di partecipare attivamente al prossimo video tramite l'inclusione dell'immagine da voi inviataci!

Aggiornamento data 28/05/2020 

E dopo una breve gita a Torino, torniamo a Foggia, per parlarvi di qualcosa che passa sempre inosservato.

Molte delle opere di cui vi abbiamo parlato o vi parleremo, hanno subito molti cambiamenti duranti gli anni, molte volte per fini architettonici, altre volte perché sono opere che sono state scalfite dal corso degli eventi. 

Venite a scoprire l'opera di oggi!

Ricordatevi di inviarci un'immagine realizzata da voi all'indirizzo email scn2020santachiara@yahoo.com , il tema principale è la creatività! Fateci vedere un vostro disegno, una vostra creazione o una foto fatta da voi che ritenete particolarmente bella! Così facendo, avrete la possibilità di partecipare attivamente al prossimo video tramite l'inclusione dell'immagine da voi inviataci!

Aggiornamento data 19/05/2020

Grazie Ambra! Oggi la vincitrice del concorso sei tu!

Oggi intraprenderemo un piccolo viaggio, per spostare la nostra attenzione e il nostro sguardo oltre i confini della nostra città e del nostro territorio.
Dunque, mettiamoci in viaggio... Andremo a Torino, per visitare il museo d’arte contemporanea del castello di Rivoli.

Ricordatevi di inviarci un'immagine realizzata da voi all'indirizzo email scn2020santachiara@yahoo.com , il tema principale è la creatività! Fateci vedere un vostro disegno, una vostra creazione o una foto fatta da voi che ritenete particolarmente bella! Così facendo, avrete la possibilità di partecipare attivamente al prossimo video tramite l'inclusione dell'immagine da voi inviataci!

 

 

Aggiornamento data  12/05/2020

Come vi abbiamo anticipato nel video precedente, oggi vi racconteremo la storia di un quadro, un quadro molto importante per la nostra città. Infatti secondo la leggenda è proprio grazie al ritrovamento di questo quadro che si deve la nascita della città di Foggia: il quadro dell’Icona-Vetere o Madonna dei sette veli.

Ricordatevi di inviarci un'immagine realizzata da voi all'indirizzo email scn2020santachiara@yahoo.com , il tema principale è la creatività! Fateci vedere un vostro disegno, una vostra creazione o una foto fatta da voi che ritenete particolarmente bella! Così facendo, avrete la possibilità di partecipare attivamente al prossimo video tramite l'inclusione dell'immagine da voi inviataci!

 

________________________________________________________________

Aggiornamento data 05/05/2020

Ciao! Comincia ufficialmente il progetto "Pillole d'Arte" dove verranno esposte piccole curiosità e nozioni storiche di tutto il panorama Artistico, dapprima Foggiano, successivamente esteso a tutto il territorio.
Oggi vi parleremo di un’opera che sicuramente avrete già avuto modo di ammirare, La chiesa della Beata Maria Vergine Assunta in Cielo o chiesa della Santa Maria di Foggia più comunemente chiamata cattedrale di Foggia.

Annunciamo inoltre la nascita di un piccolo concorso! Inviateci un'immagine realizzata da voi all'indirizzo email scn2020santachiara@yahoo.com , il tema principale è la creatività! Fateci vedere un vostro disegno, una vostra creazione o una foto fatta da voi che ritenete particolarmente bella! Così facendo, avrete la possibilità di partecipare attivamente al prossimo video tramite l'inclusione dell'immagine da voi inviataci! 
Cosa aspettate?

Guardate il video e inviateci una mail!

Ed ora... Buona visione!

 

 

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________

L’arte visiva e la didattica museale rappresentano opportunità e ambiti di intervento privilegiati per aiutare i bambini e i ragazzi a rielaborare le conoscenze, a interiorizzarle, a sentirsi coinvolti e protagonisti del loro percorso di conoscenza e di crescita.

Si propone un progetto che avrà cura di sviluppare negli studenti quegli obiettivi di apprendimento ritenuti indispensabili al fine di raggiungere i traguardi per lo sviluppo delle competenze così come prescritti nelle Indicazioni Nazionali 2012, con specifico riferimento all’obiettivo di promuovere lo sviluppo delle competenze sociali, l’educazione al rispetto, alle pari opportunità e all’inclusione sociale, attraverso l’incontro con le arti e con la dimensione estetica.

Il progetto intende perseguire i seguenti obiettivi:

  • offrire opportunità e ambiti di intervento privilegiati per orientare i minori e aiutarli a costruire atteggiamenti di responsabilità, di cittadinanza attiva e di eticità attraverso l’incontro con l’arte e la dimensione estetica;
  • supportare la sperimentazione di molteplici modalità di “fare lezione” in spazi diversificati e alternativi all’aula, dagli spazi di laboratorio all’ambiente urbano, all’ambiente naturale, agli ambienti virtuali;
  • curare la predisposizione di ambienti di apprendimento idonei all’ascolto e al dialogo, all’interazione, alla ricerca e alla costruzione di significati, alla condivisione di conoscenze, al rispetto per gli altri, ambiti di forte criticità nei minori accolti;
  • costruzione di conoscenze specifiche orientate al riconoscimento e all’utilizzo di linguaggi espressivi e caratteristici legati alle arti;
  • strutturazione di una modalità di indagine e di conoscenza del segno estetico, storico-artistico.

 

Il progetto pensa ai soggetti coinvolti, ragazzi, educatori ed alunni come costruttori di conoscenza, impostando la progettazione sulla didattica museale unita a quella laboratoriale, programmando una serie di interventi differenziati in base alle fasce di età di riferimento, ma soprattutto creando ambienti di apprendimento idonei all’ascolto e al dialogo, all’interazione, alla ricerca e alla costruzione di significati, alla condivisione di conoscenze, al rispetto per gli altri, ambiti di forte criticità nei minori accolti.

 

 

 

Share on Social